DE-SIGNore si cambia

Gaetano Pesce, nel 1969 disegna una poltrona. E’ comoda, avvolgente, e con un poggiapiedi rotondo.

06-06--41

Dietro ogni idea spesso c’è un pensiero e viceversa. Pesce ha motivato il design antropomorfo e le forme sinuose con un’immagine: quella del corpo di una donna, accogliente per definizione, ma in questo caso, prigioniera di un corpo rallentato dalla palla legata al piede. Una donna incatenata quindi ad una realtà scomoda.

Poi la poltrona ha lasciato il salotto elegante del loft vista bosco, si è notevolmente ingrandita, e trafitta di frecce ha raggiunto piazza del Duomo.

WhatsApp Image 2019-04-09 at 15.28.24

Per la settimana del design a Milano, l’enorme  “Serie up” (il nome della poltrona di Pesce) è divenuta la “Maestà Sofferente”, metafora della violenza sulle donne.

Le critiche attratte dall’opera, le sorvolo volentieri, credendo fermamente nella libertà dell’artista di esprimere il proprio io e il proprio pensiero, senza censure.

Propongo però, per la prossima design week un altro oggetto di design da ingigantire.

Il modello, Albacken, prodotto dall’azienda svedese Ikea.

60b876c8-ca77-4d82-b6c2-0d13223b8e3e

Anch’essa scomoda, forse di più, come realmente è la situazione della donna in molti ambienti della società.

Annunci

Renzi sui canali

Prima su Canale9, spiega in camicia bianca stirata a dovere, «La sua Firenze»

dufftv1xqae5-4a

poi su quelli veneziani, con tanto di lupetto blu navy,  ci esorta a « Prendere sul serio» il Governo.

renzi-motoscafo

L’Epifania, in via Bellerio

Ecco, sono tornata a Sesto Marelli.

La dose quotidiana di sabbia, come io definisco la “lezione” di cronaca, si apre così: “Caterina vai alla sede della Lega”.

Atto vandalico durante la notte della “Befana”:” Il popolo non è razzislega di merda. Razzisti i“- si, scritto proprio così. Vado. Quaranta minuti di bus. Freddo. L’obsolescienza tecnologica fa spegnere il mio Iphone poco dopo l’arrivo (proprio per magia Tim…).

Oggi Matteo Salvini, durante una diretta Facebook dice: “Quanti migranti accogliamo? Zero. Abbiamo già dato”.

Ecco la vera epifania, la manifestazione più puntuale di questo freddo lunedì di gennaio.

 

NAT(i m)ALE

 

Questo Natale, ci sono due video che vale la pena vedere prima di sedersi a tavola con i genitori, i fratelli, le zie, le nonne e i nonni,  le nuove compagne degli zii e le sorelle del fidanzato della cugina.

Il primo rappresenta una scena di agghiacciante realismo contemporaneo, che fredderà il brodo con i tortellini ancora prima che venga servito.

 

Se volete la versione integrale, quella in cui i piccoli angioletti vengono alzati di peso e allontanati dalla zona di guerra, cliccate qui

Dopo questo antipasto a base di zeitgeist Nisseno, digerite l’amarezza con un grande classico, rincuorante come i voulevant ai funghi della nonna Rinalda.

 

BUON NATALE !

Godjourno-Il Re dei Giornalisti

WhatsApp Image 2018-12-13 at 15.15.32

Il 18 Dicembre debutterà Open, il nuovo giornale formato smartphone,  idea estiva e lodevole del Direttore del Tg La7.

Sul palco Enrico Mentana è da solo. C’è una sola poltrona e due bottigliette d’acqua. In piedi in mezzo al palco inizia a parlare. L’unica presenza che lo fiancheggia è un microfono e questo lo disturba.  Lo prende e dice: “Di chi è questo?” -“è mio” risponde il cameraman da sotto il palco- “Si vabbè e te chi sei” continua Mentana. “Mi dà noia, toglilo di mezzo” poi il direttore lo sposta bruscamente. Il microfono oscilla, lo osserva cadere e non fa niente, anzi ride.

Ecco, Mentana è arrivato ora può iniziare il Mentana Show.

Le informazioni importanti le trovate qui.